La Tritium debutta in Eccellenza con un pareggio a Codogno

Codogno-Tritium 0-0
09.09.2018 17:30 di Stefano Spinelli  articolo letto 771 volte
La Tritium oggi a Codogno
La Tritium oggi a Codogno

La Tritium comincia il nuovo campionato di Eccellenza con un pareggio a reti inviolate allo stadio Fratelli Molinari di Codogno, squadra già affrontata anche in Promozione nella scorsa stagione. Il Codogno è arrivato secondo in classifica e poi è stato promosso grazie alla vittoria dei playoff. E’ stata una partita condizionata dal gran caldo: la Tritium non ha ripetuto la prova brillante fornita in Coppa Italia e alla fine il pareggio è giusto, considerata anche l’espulsione di Tremolada nel finale.

Sgrò presenta il 4-3-3 titolare con una sorpresa: al centro dell’attacco c’è Volpi al posto di capitan Galbiati che parte dalla panchina. Il Codogno invece è privo di quattro titolari, tra cui il bomber Marco Arena, squalificato.

Al 5’ un lancio sorprende la difesa della Tritium e pesca Perazzi libero in area, rimediano in extremis Capelli e Tremolada. La Tritium inizia contratta, sicuramente c’è un pizzico di emozione per l’esordio in Eccellenza, più sciolto e manovriero il Codogno. Troppi errori dei biancoazzurri in fase di impostazione e Volpi isolato in attacco, così al 17’ arriva un tiro improvviso di Guerrini da fuori area che inquadra la porta e costringe Autiero a tuffarsi per deviare in angolo. Al 27’ iniziativa di Gabellini sulla destra, cross al centro e azione conclusa da Guerrini con una mezza girata. Il Codogno tiene meglio il campo e prova a pungere, la Tritium non riesce a entrare in partita. Due cambi per Sgrò all’intervallo che evidentemente non ha gradito il primo tempo dei suoi. Dentro Botta e Galbiati, fuori Motta e Volpi. E il Toro subito al 1’ si lancia in scivolata su un traversone di Caferri ma non ci arriva. La Tritium parte con piglio decisamente diverso e cambia anche modulo: 4-4-2 con Gabellini e Galbiati di punta e Caferri alto a destra. Botta si piazza terzino destro. La gara resta comunque equilibrata con azioni da entrambe le parti ma nessuna occasione da gol nitida. Al 26’ Gabellini spreca una punizione dal limite calciando male addosso alla barriera. Al 39’ Acerbis sbaglia il rinvio e costringe Tremolada al fallo sul veloce Spini; per Tremolada è il secondo giallo e quindi arriva il rosso. Sgrò, che poco prima aveva inserito Musella per provare a vincerla, ora deve mettere Serrano (per Gabellini), passare al 4-4-1 e accontentarsi del pareggio. Nei cinque minuti di recupero Guerrini, il migliore dei biancoazzurri, prova comunque a regalare i tre punti alla Tritium con un’azione personale e tiro finale che Autiero devia in angolo.

CODOGNO-TRITIUM 0-0

CODOGNO (4-3-1-2) Autiero; Giavardi, Grossi, Cicognini, L. Mazzucchi; Orlandini, M. Mazzucchi, Molinellii (dal 19’ st Sozzi); Spini; Perazzi (dal 27’ st Rossi), Bertocchi. All. Guaitamacchi.

TRITIUM (4-3-3) Acerbis; Caferri, Capelli, Tremolada, Pelizzari (dal 37’ st Musella); Cascino (dal 21’ st Mapelli), Marinoni, Motta (dal 1’ st Botta); Guerrini, Volpi (dal 1’ st Galbiati), Gabellini (dal 41’ st Serrano). All. Sgrò.

ARBITRO Martino di Firenze (Macchi, Rossi).

NOTE Giornata soleggiata, 30 gradi. Spettatori 300 circa. Espulso Tremolada al 39’ st per doppia amonizione. Ammoniti M. Mazzucchi, L. Mazzucchi, Cicognini, Pelizzari, Angoli: 1-5.