IN CUCINA CON TUTTOTRITIUMGIANA... Arezzo - Giana Erminio, lepre in dolceforte

29.12.2017 11:30 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 94 volte
Lepre in dolceforte
Lepre in dolceforte

In occasione della trasferta della Giana Erminio ad Arezzo, vi proponiamo un prelibato secondo piatto tipico dell’aretino, la lepre in dolceforte. Questi gli ingredienti:

 - 1 lepre , già pulita ed eviscerata;

 - 1 dl di Chianti Classico;

 - 300 grammi pomodori;

 - sedano;

 - 1 costola;

 - 1 chiodo di garofano;

 - sale;

 - pepe in grani;

 - olio extra vergine di oliva;

 - 4 bacche di ginepro;

 - 1 spicchio d’aglio;

 - 2 carote;

 - 2 cipolle;

 

PREPARAZIONE

PRIMA FASE

1) riunire in una terrina una cipolla, sbucciata e tagliata in quattro, una carota raschiata e il sedano a pezzi, le bacche di ginepro, il chiodo di garofano, quattro grani di pepe e il vino, tenendone da parte un bicchiere;

2) unire la lepre e lasciarla marinare per 12 ore;

3) scolare la lepre, asciugarla, ridurla a pezzi e farla rosolare in 1 cucchiaio di olio con l’aglio sbucciato in una casseruola per qualche minuto;

4) togliere la lepre ed eliminare l’aglio;

5) sbucciare e affettare la cipolla rimasta e tagliate la restante carota a dadini;

6) farle appassire per circa 8 minuti nella casseruola della lepre a fiamma bassa;

7) aggiungere la lepre, bagnatela con il vino tenuto da parte e farlo evaporare a fiamma viva;

8) sbollentare i pomodori, sbucciarli, privarli dei semi, ridurli a dadi e unirli alla lepre;

9) salare, coprite e fate cuocere per circa 3 ore a fiamma bassa.

SECONDA FASE

1) preparare la salsa dolce forte facendo imbiondire lo zucchero in una piccola casseruola insieme con poca acqua;

2) unire i pinoli, l’uvetta, i canditi, il cioccolato grattugiato, sale, pepe e due cucchiai di aceto; mescolandoli bene;

3) sgocciolare i pezzi di lepre, passare il fondo di cottura al setaccio, rimettendolo nella casseruola;

4) unire la salsa dolceforte, poca alla volta e mescolare;

5) mettere nuovamente la lepre nel recipiente di cottura e fare insaporire per qualche minuto;

6) spegnere e servire