Giana-Ravenna, la voce dei tifosi

18.10.2018 12:30 di Ivan Ferrari   Vedi letture
Tre giocatori tra il pubblico
Tre giocatori tra il pubblico

Al termine della partita casalinga di ieri giocata e pareggiata 1-1 dalla Giana contro il Ravenna, la rete per i padroni di casa è stata segnata da Fabio Perna abile nel realizzare un calcio di rigore conquistato da Rocco, sono state raccolte alcune dichiarazioni e pareri anche molto contrastanti dei tifosi che hanno assistito alla partita.

Armando è molto duro nei confronti della squadra: “Non è la Giana che piace a me, vedo tanta voglia, tanta grinta ma anche tantissima confusione e poca organizzazione, trame di gioco inesistenti e ad oggi non sono ancora riuscito a vedere più di 5 passaggi consecutivi”.

Mauro denota la poca attenzione sul pareggio ospite: “Partita molto combattuta in mezzo al campo con poche occasioni da entrambe le parti, loro in occasione del pareggio sono stati furbi e noi ingenui, ritengo che siano 2 punti persi”.

Iacopo è molto sintetico: “ Nel primo tempo ho avuto la sensazione che loro potessero farci male in alcune circostanze, da parte nostra invece ho notato poche occasioni create e quelle poche non sono state concretizzate”.

Luca è positivo: “Buona partita anche se a tratti un po' noiosa non per demerito nostro ma perchè sia noi che il Ravenna eravamo prevalentemente chiusi, molto meglio nel secondo tempo dove abbiamo giocato molto bene e costruito diverse occasioni da gol, a mio parere meritavamo di più, l'arbitro dopo il loro discusso pareggio si è fatto sfuggire la partita di mano”.

Gabriele dice che: “ Ho visto una Giana molto decisa e combattiva, non è facile quando hai fuori elementi fondamentali come Palma, Iovine e Lunetta, speriamo che rientrino presto perchè sono fondamentali nell'economia della squadra”.

Infine il pensiero di Lorenzo: “ A parere mio è stata una partita molto bloccata, giocata sul piano caratteriale e col cuore, da parte nostra molto possesso, abbiamo avuto qualche disattenzione di troppo in difesa sui contropiedi, alla fine è stata una partita decisa da due episodi”.