Tifosi Giana, non verrà scordata tanto facilmente la trasferta ad Arezzo

 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 661 volte
Il pullman incriminato
Il pullman incriminato

E’ stata una trasferta molto travagliata quella dei sostenitori della Giana Erminio in quel di Arezzo. Partenza fissata alle ore 11:00 da Gorgonzola, anzi addirittura in anticipo, 10:43 come se si sapesse che qualcosa durante il viaggio d’andata sarebbe successo. Il viaggio procede nel migliore dei modi fino alla prima sosta per pranzo in un’area di servizio sull’Autostrada Milano-Bologna nei pressi di Modena. Ripreso il viaggio, il pullman comincia ad accusare dei colpi non ben definiti in fase d’accelerazione. Tuttavia, nessun pensiero negativo. Il mezzo si ferma in terra toscana, nei pressi di Firenze per la seconda sosta. Primo imprevisto: batteria scarica e richiesta di soccorso a un camionista, che collegando i cavi alla batteria del pullman permette la ripartenza dei tifosi biancocelesti fino alla città di Arezzo. Ci si gode la partita liberamente, finita con un rocambolesco pareggio di 3-3. Ripartenza alla volta di Gorgonzola quasi immediatamente al termine del match per problemi legati alla sicurezza, con prima sosta al primo autogrill sull’Autostrada del Sole in direzione Firenze provenendo da Arezzo. In codesto luogo l’autista effettua il pieno carburante e i tifosi cenano. Ma un altro grosso imprevisto incombe: il pullman non riparte. A questo punto molti volontari si propongono per la spinta del mezzo che riparte dopo circa cento metri dal luogo dov’era parcheggiato. Il viaggio non si può dire prosegua tranquillo, considerato il pullman continua a procedere con colpi non ben definiti lungo l’autostrada e per di più con andatura lenta non oltre gli 80 chilometri orari. Proseguendo il viaggio si giunge all’ultima area di servizio della giornata che si rileverà poi quella più lunga, nei pressi di Fiorenzuola d’Arda. Il pullman, dopo averlo spento per un nuovo rifornimento non ha proprio più nessuna intenzione di ripartire, nemmeno a spinta perché rimane bloccato in loco alle pompe di benzina. Di passaggio fortuito una pattuglia della Polizia Stradale, anche lei ferma per un rifornimento e chiede spiegazioni su tutto quel trambusto, nel frattempo termina il turno della prima pattuglia e ne sopraggiunge una seconda. Si attende perciò un pullman sostitutivo che deve partire da Cambiago (sede della Fumagalli Autoservizi srl, proprietaria del mezzo) per raggiungere i tifosi in terra emiliana non prima di un’ora e mezza. E’ l’1:40 di notte, finalmente arriva un nuovo pullman da 56 posti per portare a casa i supporters, che tornano a Gorgonzola solamente alle 2:45.