LADY TRITIUM con... Cristina Fondrini

09.01.2014 17:00 di Rossana Stucchi   Vedi letture
Denis e Cristina Fondrini
Denis e Cristina Fondrini

Cristina Faggiano è la giovanissima fidanzata di Denis Fondrini, terzino destro classe ’90, tornato a vestire la maglia della Tritium dallo scorso dicembre, dopo un trascorso in biancoazzurro durato dall'estate del 2009 fino al termine della stagione 2011/2012. E’ lei la prima Lady Tritium di questo nuovo anno.

Cristina, come vi siete conosciuti tu e Denis?
"Abbiamo fatto conoscenza nel 2009 tramite una mia amica che abita a Vizzolo, il paese dove abita Denis".

Quando avete capito che eravate fatti l’uno per l’altra?
"Ci siamo frequentati per circa due mesi; a dicembre di quattro anni fa ci siamo fidanzati".

Avete dei progetti in comune oppure è ancora prematuro?
"Li abbiamo, ma per il momento è un po’ presto. Denis ha iniziato a lavorare da poco ed io sono ancora in cerca di un'occupazione: appena avremo una stabilità economica faremo dei progetti a lungo termine".

In precedenza hai frequentato una scuola specifica?
"Ho frequentato una scuola superiore di indirizzo linguistico a Melegnano, vicino a dove abito: mi sono diplomata un anno e mezzo fa".

Com’è il tuo rapporto con il calcio?
"Certamente lo seguo e mi piace: sono sempre stata una tifosa interista fin da piccola. Mi ha trasmesso la passione mio papà che è un nerazzurro sfegatato".

Quindi si presume che tu conosca anche le regole…
"So abbastanza le regole (ride, ndr)".

Secondo te, qual è stato il momento calcisticamente più bello che ha vissuto Denis?
"Sicuramente quando tre anni fa con la Tritium ha vinto il campionato di Seconda Divisione ed ha fatto il salto in Prima: era super contento".

Poi, dopo tre stagioni in biancoazzurro, ha cambiato maglia…
"Esatto. Nel 2012 è passato alla Rivoltana, squadra lombarda di Eccellenza, e la scorsa estate si è trasferito al Sordio in Prima Categoria".

Da poco è tornato alla Tritium.
"E' contentissimo: spera di andare avanti e di vincere il campionato ancora con questa maglia".

Dicci un suo pregio e un suo difetto.
"E' una persona molto positiva: io sono esattamente il contrario e lui mi dice di non pensare sempre male. Un difetto? Magari alcune volte è un po’ pigro".

Per concludere, vuoi fargli un augurio particolare?
"Spero che il suo sogno di calciatore prosegua il più possibile e che il nostro futuro sia sempre insieme".