L'ex Pietro Cogliati: "La crisi del calcio italiano procura un senso di smarrimento"

03.10.2018 22:15 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 97 volte
Pietro Cogliati
Pietro Cogliati

L’ex attaccante di Giana Erminio e Tritium Pietro Cogliati, che ha giocato nell’ultima stagione al Monza ottenendo un sorprendente quarto posto, attualmente svincolato, è stato intervistato dai colleghi di zonacalcio.net toccando diversi temi. Dalla crisi del calcio italiano che “procura un senso di smarrimento e destabilizzazione” alla regola degli under-over dove “si vedono sempre più svincolati nel pieno della loro carriera” e “deve giocare chi merita”. Sulle seconde squadre spiega: “In altre nazioni sono un meccanismo ben oliato, ma sono state presentate male considerato solo la Juventus si è dimostrata all’altezza. Si spera siano una reale soluzione per la crescita dei giovani”. Sulla sua ultima esperienza al Monza: “E’ stata una buona stagione, ho collezionato più di 30 presenze dimostrando di meritare la categoria. Siamo arrivati quarti da neopromossi, credo sia stato un risultato importante”. Inoltre si sofferma sulle precedenti avventure, in particolar modo alla Tritium dove ha giocato con grande continuità, e sui primi passi mossi nel settore giovanile del Milan: “E’ stato fondamentale, ho avuto la possibilità di confrontarmi con tanti allenatori di valore, in un contesto che mi ha fatto capire sin da piccolo il valore del professionismo. E’ stato bello allenarsi a Milanello e giocare delle amichevoli contro la Prima Squadra. Mi piace molto il numero 7 al quale sono legato per l’ammirazione nei confronti di Shevchenko"