Giana Erminio, Albè: "Il gol del pareggio ci ha massacrato"

12.05.2018 07:45 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 200 volte
Mister Cesare Albè
Mister Cesare Albè

Dopo la sconfitta nel Primo Turno Eliminatorio dei Playoff di Serie C della Giana Erminio contro il Piacenza, è intervenuto il mister Cesare Albè presso la sala stampa dello stadio “Leonardo Garilli”, ed ha espresso le sue sensazioni sull’amara prestazione: “Probabilmente il gol del pareggio ci ha massacrato. Lasciare contropiede a questa squadra che ha una grandissima fisicità tra le qualità, perché anche il secondo gol viene da un rinvio di testa di Bonalumi che ribatte su Romero, ti abbatte psicologicamente e la partita finisce qui. A seguire, diventa difficile recuperarla perché va bene c’era entusiasmo ma loro sono un ottimo gruppo. L’uno a uno ha assicurato al Piacenza la possibilità di passare il turno, noi non siamo riusciti a reagire. Nulla da rimproverare a questi ragazzi che hanno svolto i loro compiti. Bisogna essere onesti perché sono tutti bravi poi a parlare dei singoli episodi, a partire dalla punizione dell’uno pari che la volevamo noi, invece l’ha data al Piacenza, punizione che Tougourdeau appoggia dentro ed è andata così. Abbiamo cercato di muoverci, ma su una palla lunga loro Bonalumi invece di buttarla sull’esterno la mette nell’interno, l’ha toccata Romero, gli è saltata giusta ed ha fatto un bel gol. Si è nel dubbio se limitare i danni oppure no. Non sarebbe finita se avessimo concretizzato il contropiede del cinque contro due nel primo tempo perché io ricordo proprio qui l’Alessandria in vantaggio due a zero che va a perdere tre a due. Questa squadra diventa difficile prenderla quando si va sotto, vale soprattutto per noi ma non solo. Abbiamo preso per i capelli questo treno dei playoff in un’annata complicata, difficile dove non ho proprio nulla da rimproverare ai ragazzi. E’ stato molto complicato replicare la passata stagione per svariati motivi, dove ci vogliono cinque ore per spiegare quello che penso. Ci siamo accorti man mano che era difficile arrivare dove volevamo, ma c’è stato un sussulto nel finale permettendoci di raggiungere i playoff, naturalmente c’era un risultato solo a noi favorevoli, e siamo stati eliminati. Chi ha giocato ha fatto la sua parte, senza nulla togliere a quelli che avevamo fuori. Volevo ringraziare tutto lo staff, ci sono stati dei momenti bellissimi di gioco, ripeto non come l’anno scorso, ma la responsabilità è principalmente mia. Magari non ho capito che bisogna modificare, stimolare qualcosa di diverso. L’anno prossimo la Giana Erminio disputerà per il quinto anno consecutivo la Serie C. Quando siamo saliti di categoria in categoria, la maggior parte della gente giunti nel professionismo pensava ad un’andata e un ritorno come i matrimoni di oggi. Bene, le nozze che durano cinque anni sono già diverse. Purtroppo una delle mancanze mie è stata quella di non incentivare diversamente, ma la forza di una società è il confronto, basta avere il rispetto dei ruoli come con le mogli, questo è tutto