La Tritium conquista un punto d'oro a Seregno. Acerbis para un rigore

Seregno-Tritium 1-1
06.10.2019 17:00 di Mattia Vavassori   Vedi letture
Fonte: Dai nostri inviati a Seregno, Davide Villa e Rossana Stucchi
La Tritium in campo oggi
La Tritium in campo oggi

Punto d'oro per la Tritium in trasferta contro la capolista Seregno: i biancoazzurri riescono a portare un casa un meritato pareggio grazie al gol nella ripresa di Bertaglio e alla parata decisiva di Acerbis nel primo tempo, abile a neutralizzare un calcio di rigore di Bertani. I padroni di casa finora avevano sempre vinto e non avevano mai subito una rete prima della sfida contro gli abduani. Pareggio, dunque, preziosissimo per i ragazzi del sodalizio del presidente Juri Camoni conquistato un un terreno ostico contro i candidati numero uno alla vittoria finale di campionato con una rosa di giocatori costruita per il salto di categoria. Mister Sgrò deve rinunciare agli infortunati Chimenti e Motta e agli squalificati Della Volpe e Castelli, motivo per cui opta per il duo di centrali difensivi Capelli e Bertaglio con Caferri posizionato a sinistra. Davanti spazio a Milazzo con il classe 2000 Campanella col numero dieci. Il Seregno punta sulla forza, tra gli altri, di Bertani (ex Novara in serie A), di Gazo (ex AlbinoLeffe) e del duo d'attacco Fortunato-Marzeglia. E' fin da subito una partita giocata a viso aperto: al 1' prova a rendersi pericoloso Fortunato con un'incursione ma salva tutto la retroguardia abduana. Sessanta secondi dopo dagli sviluppi di un calcio di punizione Bertaglio calcia di poco sopra la traversa. Al 22' Bertani si rende pericoloso con una punizione che finisce alta. Al 28' ancora un Seregno scatenato prova a fare male con Bertani che, servito da Marzeglia, tira in diagonale ma il suo tiro finisce a lato. Al 32' l'azione che può cambiare il match: Bertaglio atterra in area Marzeglia e per il direttore di gara è calcio di rigore. Dal dischetto Bertani si fa ipnotizzare da Acerbis che salva il risultato. Il gol è nell'aria e si concretizza al 41': assist d'oro di Marzeglia per Marini che a tu per tu con il portiere avversario deposita la sfera nel sacco. Nella ripresa al 19' la Tritium pareggia il conto delle reti: dalla bandierina Gabellini pesca Bertaglio che si fa spazio in area e con una sontuosa incornata fulmina l'estremo difensore Lupu. Doccia gelata per il Seregno. Sessanta secondi dopo occasione pericolosa per i padroni di casa: Marini serve Fortunato il cui tiro fa la barba alla traversa. Al 26' ci prova Bonaiti: la sfera fa la barba al palo e termina sul fondo. Al 40' brivido per la Tritium: Gregov da buona posizione centra in pieno la traversa. Un minuto dopo Capelli commette un fallo da ultimo uomo su Valsecchi: rosso diretto e Tritium in dieci uomini. I biancoazzurri stringono i denti ed ogni assalto dei locali non porta frutti. In pieno recupero contropiede di Sofia che da buona posizione anziché calciare cerca l'assist per Vitali che non si concretizza in gol. Si tratta di un punto d'oro conquistato dalla Tritium su un terreno di gioco ostico come quello di Seregno.

Seregno-Tritium 1-1

Seregno (4-4-2): Lupu; Zoia, Borghese 6, Gregov, Tomas; Marini, Gazo (17’st Bonaiti), Fortunato (32’st Artaria), Invernizzi (25’st Valsecchi); Bertani, Marzeglia (36’st Blazevic). In panchina: Pesenti, Mantegazza, La Camera, Luoni, Clerici. All. Balestri.

Tritium (4-3-1-2): Acerbis; Sordillo, Capelli, Bertaglio, Caferri; Cascino (15’st Gabellini), Marinoni, Aldé; Campanella (45’st Sofia); Personé (43’st Perico), Milazzo (23’st Vitali). In panchina: Rota, Russo, Saronni, Viviani, Bongiorno. All. Pizzocchero (Sgrò squalificato).

Arbitro: Silvera di Valdarno (Pizzoni-Castiglione).

Reti: 41'pt Marini (S), 19'st Bertaglio (T).

Note: giornata soleggiata. Spettatori 400 circa. Terreno di gioco in buone condizioni. Temperatura 22°. Ammoniti: Gazo (S), Acerbis (T), Marzeglia (S), Fortunato (S). Espulso: al 40'st Capelli (T) rosso diretto per fallo da ultimo uomo. Recupero: 1'pt+5'st.