Questa la situazione e le previsioni meteorologiche per la partita casalinga di domenica della Giana Erminio contro l’Alessandria, e per quelle in trasferta della Tritium a Crema lunedì sera e dell’infrasettimanale della Giana Erminio a Sesto San Giovanni. Uno sguardo anche a quanto accaduto nello scorso mese di settembre, uno dei più caldi in assoluto dall’inizio delle rilevazioni.

BILANCIO DI SETTEMBRE

E’ un susseguirsi di record di caldo abbattuti negli ultimi anni, in particolar modo i casi di temperature sopra la media a partire dagli anni Duemila. Il mese appena trascorso è stato il più caldo mai registrato a livello globale: secondo le analisi Copernicus, l'anomalia termica di settembre è stata di 0,63°C rispetto alla media trentennale 1981-2010, superando di 0.05°C il settembre 2019, che va a posizionarsi al secondo posto. Le anomalie di temperatura maggiori si evidenziano in molte aree del globo, in particolare su Siberia settentrionale (qui con anomalie davvero evidenti), Medio Oriente, parte del Sud America e Australia. Temperature eccezionalmente sopra la media sono state registrate nel Nord della Siberia ma anche nel Mar Artico, contestualmente a condizioni particolarmente fredde sulla Groenlandia soprattutto settentrionale. In Siberia la situazione è preoccupante con temperature ben superiori alla norma. Valori eccezionali anche in Medio Oriente, con diversi record registrati in Turchia, Israele e Giordania. Da segnalare anche condizioni particolarmente calde sugli Stati Uniti occidentali, con il valore record di 49°C nell'hinterland di Los Angeles nei primi giorni di settembre. Record di temperatura massima per settembre sono stati raggiunti anche in Paraguay e sul Brasile meridionale, mentre l'Australia ha vissuto il secondo settembre più caldo di sempre, dopo quello record del 2013. Anche in Antartico si sono registrate temperature oltre la norma. Per quanto concerne le terre emerse, si sono mostrate delle anomalie termiche maggiori e più diffuse, mentre c'è da notare che su diverse porzioni di oceano sull'emisfero australe le temperature dell'aria sono risultate sottomedia. Nel caso specifico dell'Europa, settembre 2020 balza al primo posto dei più caldi mai registrati, con un'anomalia di ben 1.8°C rispetto alla media 1981-2010, di 0.2°C superiore precedente record di settembre 2018. Le temperature sono risultate sopra la media un po’ su tutto il Continente, ma con evidenze maggiori sul comparto nord orientale. Da notare il caldo record in Francia a metà mese. Poche le aree con temperature al di sotto della norma, in particolare Spagna, Scozia e soprattutto l'Islanda. Gli effetti poi al passaggio della prima perturbazione di chiaro stampo autunnale sono devastanti, come accaduto ad inizio mese.

SITUAZIONE

Un altro impulso freddo è sopraggiunto sulla nostra penisola a metà settimana, determinando piogge sulla Pianura Padana, forti temporali con fenomeni estremi sulle regioni adriatiche e del centrosud. In particolare, nella mattinata di mercoledì un tornado ha colpito Sottomarina di Chioggia (Venezia), interessando le spiagge dove ha causato diversi danni agli stabilimenti, tra cui una gru crollata sotto la furia delle raffiche. I forti venti hanno spinto il mare fin dentro Chioggia che si è allagata. Il Mose ha invece salvato Venezia dall'acqua alta per la seconda volta in questo mese. Si è rivista la neve sulle Alpi mediamente dai 1500 metri, sulla Lombardia dai 1800/2000 metri, sul Friuli dai 1200/1300 metri con alcuni casi dove è riuscita ad arrivata fino a 700 metri, come nel Tarvisiano. Da questa mattina stiamo assistendo a un miglioramento che si consoliderà nel weekend ed a inizio della prossima settimana, attenzione però che dal pomeriggio di martedì una nuova perturbazione riuscirà a valicare le Alpi con instabilità più frequente a partire dal prossimo mercoledì .

PREVISIONI

Giana Erminio-Alessandria (domenica 18 ottobre, ore 17:30, stadio comunale “Città di Gorgonzola”): sereno, la temperatura si aggirerà sui 15° , vento attorno ai 5 km/h da SE;

Crema-Tritium (lunedì 19 ottobre, ore 20:30, stadio “Voltini di Crema - CR): parzialmente nuvoloso, al temperatura si aggirerà sui 13°, vento attorno agli 8 km/h da NO

Pro Sesto-Giana Erminio (mercoledì 21 ottobre, ore 20:45, stadio “Breda” di Sesto San Giovanni - MI): coperto, la temperatura si aggirerà sui 16°, vento attorno ai 5 km/h da ONO

Sezione: EDITORIALE / Data: Ven 16 ottobre 2020 alle 23:15
Autore: Davide Villa / Twitter: @villdav3
Vedi letture
Print