Segnare un gol nell’ultima partita di una carriera ventennale. Daniele Dalla Bona, 37 anni, centrocampista della Giana ci è riuscito all’ultima giornata di campionato, quella che ha dato la salvezza alla squadra di Gorgonzola contro la Pistoiese. Chiudere così era il suo sogno e Dalla Bona lo ha scritto sul blog che tiene da anni su internet dal titolo Restovaghissimo.com: “E cosi io, classe ‘83 maglia numero 21, al minuto 83 dell’ultima partita stagionale nell’anno 21, ho centrato un gol da fuori area col piede mancino, detto Garpez per via della legnosità che lo contraddistingue, con un tiro, credetemi, brutto. Una scaloppina insipida che ha trovato una leggera ma decisiva deviazione di un malcapitato difendente avversario. Gol, due a zero, partita chiusa, spareggio salvezza vinto. Il prossimo anno sarà di nuovo serie C per la piccola-grande società di Gorgonzola”. Il sottotitolo del blog è “Scrivere è la mia terza passione. Le altre due non me le ricordo quando scrivo”. Beh, la prima è facile da immaginare visto che Dalla Bona, dall’esordio in Serie C nel 2001 con il Varese (la squadra della sua città) ha messo insieme più di 500 presenze nei professionisti. Il punto più alto della sua carriera sono stati i cinque anni in Serie B con le maglie di Cittadella e Modena dal 2009 al 2014. Non ha mai giocato in Serie A ma non ha rimpianti: “Ho fatto la Serie B da protagonista e una bella carriera, sono soddisfatto”. Un’altra sua particolarità è che non ha mai giocato in grandi piazze o in città metropolitane. Anzi, gli ultimi anni li ha spesi in piccole realtà diventate grandi in Serie C come il Santarcangelo in Romagna e appunto la Giana: “Forse perché ho sempre mantenuto un low profile e mi piacciono i piccoli posti, però Cittadella e Modena in cui ho giocato erano grandi squadre“. Classico regista dai piedi buoni, abituato anche a giocare davanti alla difesa, non ha avuto un gran feeling con il gol. Solo 28 le reti realizzate, di cui 8 in Serie B, in 20 stagioni. Ma il primo, nel 2002 con la Biellese in C2, è stato come l’ultimo? “No, molto più bello (ride ndr). E’ stato contro il Novara: su un cross dalla destra mi sono inserito in area e di destro al volo l’ho messa nell’angolino”. Il titolo del pezzo sul blog, dove annuncia che tra pochi mesi diventerà padre e andrà a vivere nelle Marche, è What’s next? Qual è il prossimo? “Vedremo, magari un’altra squadra vicino alla mia nuova casa perché fisicamente sto ancora bene; sicuramente una nuova vita in famiglia. E poi continuo a scrivere”.

Sezione: LE NOSTRE ESCLUSIVE / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 15:00
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print