A tre giornate dalla fine del campionato, la Giana Erminio ha il destino nelle sue mani, nel senso che l’obiettivo della salvezza diretta dipende solo da sé stessa. Alla vigilia della partita con la Pro Patria, abbiamo sentito in esclusiva l’allenatore Oscar Brevi che, essendo stato squalificato, sarà sostituito in panchina da Matteo Castelnovo. 

Mister con la Pro Patria è il primo match-point salvezza? Se la Giana vince è fatta?
“Mancano ancora tre partite che significano nove punti in palio. Bisognerà vedere anche cosa fanno le altre squadre, comunque noi siamo concentrati su queste tre ultime partite sapendo che saranno tutte decisive. Finché non ci sarà la matematica dovremo lottare su ogni pallone e in ogni partita”.

Quali sono le insidie della gara con la Pro Patria?
“Affrontiamo una squadra che ha fatto un campionato straordinario e che ha valori molto importanti come testimonia la sua classifica. Dovremo giocare come nelle ultime gare sapendo che potrà essere comunque una gara equilibrata dove l’attenzione dovrà essere massima”.

Sei risultati utili consecutivi è la striscia più lunga della stagione. La svolta è stata la rimonta con la Lucchese?
“Direi di sì, anche se comunque pure in precedenza avevamo fatto delle buone partite non meritando affatto le sconfitte subite. Vorrei ricordare che abbiamo giocato sei partite di fila con un uomo in meno per espulsioni a volte incredibili, penso alle partite con AlbinoLeffe e Juventus U23 ad esempio, che magari in undici non avremmo perso. Comunque sì, quel giorno contro la Lucchese gli episodi sono girati a nostro favore, dagli inferi siamo risorti e indubbiamente è scattato qualcosa”.

Più importante domenica sera la sua assenza in panchina o quella di Perna in campo, anche lui squalificato?
“Sicuramente quella del giocatore (ride ndr). Io preferirei stare fuori tutte le domeniche pur di avere tutti i ragazzi disponibili. Comunque abbiamo i giocatori per sostituire Perna. Ferrario? Credo di sì. Lui deve ritrovare tranquillità e non instristirsi anche se non segna da tanto tempo. Io ho fiducia in lui come negli altri attaccanti della squadra”.

Il suo contratto scade a giugno e non sono previste opzioni di rinnovo in caso di salvezza. Ha già accennato qualcosa con la società?
“In questo momento il contratto è l’ultimo dei miei pensieri. Dobbiamo giocare queste tre partite decisive e raggiungere il nostro obiettivo, poi ci sarà tutto il tempo per parlare di questa cosa con la società. Io alla Giana mi trovo bene ma adesso sono concentrato solo sulla squadra”. 

Sezione: LE NOSTRE ESCLUSIVE / Data: Ven 16 aprile 2021 alle 17:45
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print