Un’altra sconfitta per la Tritium in questo campionato in cui sembra girare tutto storto. Contro il Brusaporto, che ha colto la sua prima vittoria in trasferta, la squadra di Nordi è andata in vantaggio all’inizio della ripresa ma poi è stata rimontata e ha finito per perdere la partita col risultato di 2-1. L’allenatore trezzese ripropone il modulo con Valente alle spalle di Artaria e Personé. A centrocampo chance per Aldé, mentre il nuovo acquisto Barzaghi comincia dalla panchina. Il Brusaporto allenato da Filippo Carobbio, ex centrocampista di AlbinoLeffe e Siena, parte con il 4-3-3 che diventa un 4-5-1 in fase difensiva. Gara che comincia al piccolo trotto senza squilli. La prima occasione capita al 15’ quando Vitali si presenta in area, punta Bertaglio e scarica un diagonale che viene deviato in corner. Sul terzo corner degli ospiti, la battura di Alvitrez attraversa tutto lo specchio della porta facendo venire i brividi a Zanellato. Al 25’ il portiere della Tritium alza sulla traversa una punizione dello stesso Alvitrez. E dall’angolo girata di Ondei (ex AlbinoLeffe) che finisce alta. Al 29’ Forlani intercetta un brutto rinvio di Gavazzeni, punta l’area di rigore ma scarica un destro a metà tra tiro e assist e la palla si perde sul fondo. Dall’altra parte cross di Menni che Zanellato mette in angolo con l’aiuto della parte alta della traversa. Al 37’ slalom di Galelli in area trezzese che poi conclude fuori. Gioca meglio il Brusaporto e per la Tritium è molto difficile portare avanti il pallone. La ripresa si apre con la Tritium in avanti e al 5’ arriva il gol. Corner di Lorenzo Caferri, alla presenza n. 102 con la Tritium e colpo di testa in tuffo di Aquilino, classe 2002, al primo gol in Serie D. Il vantaggio galvanizza la Tritium che comincia a giocare bene, mentre il Brusaporto accusa il colpo. Al 19’ tiro di Valsecchi centrale, para Zanellato. Al 20’ però palla-gol per gli ospiti con il giovane Vertua (2002) che si presenta davanti a Zanellato, il quale è bravissimo a chiudere lo specchio e respingere di piede. Ma il pareggio degli ospiti arriva 1’ dopo: punizione-cross di Alvitrez sul secondo palo dove sbuca Seck (ex Giana Erminio) che di testa mette in rete. Tutto da rifare per la Tritium che al 32’ va al tiro con Motta da fuori area, gran parata di Gavazzeni. Il Brusaporto riparte al 38’ con un contropiede avviato da Valsecchi e concluso da Sokhna con un tiro fuori. Al 41’ un tiro di Alvitrez respinto con un braccio in area da Valente e l'arbitro decreta rigore per il Brusaporto. Sul dischetto si presenta lo stesso centrocampista che realizza nonostante il tuffo di Zanellato, che tocca il pallone ma non riesce a deviarlo. La Tritium si getta in avanti con tutte le sue forze, entra anche Zulli e al 46’ c’è l’ultimo tiro di Caferri parato a terra da Gavazzeni. Il Brusaporto passa al 5-3-2 e blinda la vittoria che vale il quarto posto. La Tritium, con 8 punti, scivola invece al penultimo posto in classifica. 

Tritium-Brusaporto 1-2

Tritium (4-3-1-2): Zanellato; Lorenzo Caferri, Bertaglio, Ambrosini, Aquilino; Forlani, Marinoni (42’st Zulli), Aldé (25’st Motta); Valente; Personè, Artaria (14’st Lolli). All. Nordi. A disposizione: Miori, Leonardo Caferri, Barzaghi, Raffaglio, Mari, Colleoni.

Brusaporto (4-3-3): Gavazzeni; Seck, Suardi, Ondei, Menni; Valsecchi, Rodolfi (25’st Sokhna), Alvitrez; Galelli, (43’st Esposito) Vitali (30’st Grandi), Vertua (25’st Rondi). All. Carobbio. A disposizione: Asnaghi, Alcisi, Marchese, Tomasi, Allegrini.

Arbitro: Gallo di Castellamare di Stabia (Schirinzi-Rignanese).

Reti: 5’st Aquilino (T), 21’st Seck (B), 41’st rig. Alvitrez (B)

Note: Partita disputata a porte chiuse. Giornata nuvolosa e fredda. Temperatura 4°. Ammoniti: Bertaglio (T), Alvitrez (B), Marinoni (T) e Motta (T). Espulsi: nessuno. Angoli: 4-6. Recupero: 1’pt+5’st.

Sezione: NEWS TRITIUM / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 17:40
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print