Notta fonda per la Tritium che perde la seconda partita consecutiva in casa contro un buon NibionnOggiono guidato da uno scatenato Cargiolli, migliore in campo e mattatore del match. I biancoazzurri non sono praticamente scesi in campo nel primo tempo: schierati con un inedito 4-3-1-2 (ennesimo schema provato dopo il 3-5-2 ed il 4-4-2 di settimana scorsa, ndr) con un inusuale Motta, fuori ruolo, dietro le punte Marzeglia e Personé, i trezzesi hanno subito le folate degli avversari, che al 18' hanno preso un palo con un colpo di testa di Fognini e che si sono visti annullato un gol per fuorigioco al 26', incassando la rete dello svantaggio al 37' con un rigore trasformato da Cargiolli per un fallo di mani netto in area di Gritti. Nella ripresa la Tritium ha giocato meglio guadagnando un rigore al 13' per atterramento in area di Personè e realizzato dallo stesso, ma alla lunga è uscita la forza degli ospiti che hanno segnato la rete del definitivo vantaggio con un fantastico gol di esterno destro di Cargiolli al 25', autore di una doppietta personale, che ha approfittato di uno svarione difensivo dei padroni di casa. La Tritium, schierata sul finale con un offensivo 4-2-4, ha cercato di pareggiare i conti in tutti i modi spingendo a fine partita e sfiorando la rete con Motta al 28' e in pieno recupero due volte con Bertaglio. L'ingresso di Guerrini e Lolli, purtroppo, non ha condotto alla rete del pareggio. In pieno recupero è Iori a sfiorare la terza marcatura per gli ospiti ma è Rota ad opporsi con una parata in tuffo. Sicuramente i buoni propositi della vigilia degli abduani non si sono concretizzati contro un NibionnOggiono, che finisce il match in dieci uomini per espulsione al 33' del secondo tempo di Fognini per doppia ammonizione, cinico, cattivo e fisico, che se ne va da Trezzo sull'Adda con la posta in palio piena. "Mi sembra di assistere ad un totale scollamento tra realtà desiderata e realtà concreta. Tre punti in tre partite non sono in linea con i nostri obiettivi, anzi. Sono molto amareggiato". Le parole a fine gara di Juri Camoni, presidente della Tritium, fotografano il momento dei biancoazzurri, che devono tirarsi indietro le maniche e continuare a lavorare. Il campionato è lungo e bisogna riprendersi a partire dalla partita in trasferta a Crema di lunedì 19 ottobre prossimo.

Tritium-NibionnOggiono 1-2

Tritium (4-3-1-2): Rota; Caferri Leonardo, Bertaglio, Gritti, Di Bella (11'st Caferri Lorenzo); Lacchini (11'st Guerrini), Marinoni (32'st Lolli), Forlani (21'st Degeri); Motta; Personé, Marzeglia. All. Pelati. A disposizione: Miori, Federico, Perico, Della Volpe, Mari.

NibionnOggiono (4-4-2): Guarino; Premoli, Boni, Antonini, Fognini; Tremolada (20'st Comberiati), Albini (11'pt Romano), Fumagalli, Iori; Villa (29'st Fall), Cargiolli (35'st Bernardi). All. Mastrolonardo. A disposizione: Attianese, Bernardi, Ballabio, Redaelli, Kouadio, Calmi.

Arbitro: Boiani di Pesaro (Merlino-Marucci)

Reti: 37'pt rig. e 25'st Cargiolli (N), 14'st rig. Personé (T) 

Note: partita a porte aperte con 200 spettatori circa. Giornata nuvolosa e fresca. Temperatura 15°. Ammoniti: Forlani (T), Caferri Lorenzo (T). Espulso: Al 33' Fognini (N) per somma di ammonizioni. Angoli: 2-6. Recupero: 2'pt+6'st.

Sezione: PRIMO PIANO / Data: Dom 11 ottobre 2020 alle 18:40
Autore: Mattia Vavassori
Vedi letture
Print