Giana Erminio, l'ex Maspero: "Dobbiamo convivere con questo virus"

01.06.2020 20:00 di Mattia Vavassori   Vedi letture
Fonte: TuttoC.com
Riccardo Maspero
© foto di Jacopo Duranti/tuttolegapro.com
Riccardo Maspero

Riccardo Maspero, tecnico in questa stagione ha guidato la Giana Erminio, parla in esclusiva ai microfoni di TuttoC.com: "Sembra che A e B ripartano, mentre in C c'è ancora un po' di confusione. Giusto riprendere prima o poi, bisogna prendere una decisione. Io mi trovavo nell'epicentro della pandemia e purtroppo ho visto di persona come sono andate le cose. Sono situazioni tristi, non belle da raccontare però la vita deve andare avanti: il calcio e lo sport devono ricominciare e dobbiamo convivere con questo virus fino a che non ci sarà un vaccino, sperando poi di poter riportare anche la gente allo stadio".

La Giana sarà costretta a disputare i playout?
"Bisogna vedere cosa verrà deciso. Ci sono tanti pro e tanti contro. La Giana ha disputato meno partite delle squadre che gli stanno davanti. Qualsiasi cosa si decida qualcuno resterà scontento ma bisognerà prenderne atto e rimboccarsi le maniche per raggiungere l'obiettivo prefissato"

Che ne pensi del ritorno in C del Mantova?
"Il Mantova fuori dai professionisti è un delitto perchè la gente vuole calcio di un certo tipo. Il purgatorio della Serie D è finito, adesso si torna in C e vedremo la società come si comporterà, se avrà voglia di investire e ambire a un campionato importante".

Cosa c'è nel tuo futuro?
"La voglia è quella di tornare al più presto su una panchina per rimettermi in discussione e mettere in pratica le mie idee, il mio credo calcistico".

Pochi giorni ci ha lasciato Gigi Simoni...
"Per me è stato come un secondo padre, calcisticamente mi ha costruito. Mi ha sempre coccolato, standomi vicino. Gli devo molto e la sua scomparsa è stata davvero qualcosa di brutto. Spero al più presto di poterlo andare a trovare e salutare la sua famiglia col quale ho un rapporto molto particolare".