Fabio Perna, attaccante della Giana Erminio, intervenuto sul canale Instagram di TuttoC.com, intervistato da Giacomo Principato, ha dichiarato: "Mia moglie aveva portato sempre il mio primo figlio allo stadio, col secondo nato da pochi giorni sarà difficile perché non sappiamo nemmeno quando ripartiremo. In Serie C pare che molti non vogliano riprendere, credo che al 99% non si tornerà in campo, noi ci stiamo allenando ma è chiaro che in Serie C è più difficile perché molti giocatori vivono in case normalissime e magari non hanno nemmeno il giardino, non abbiamo le ville dei giocatori di Serie A".

Sei d'accordo sul taglio degli stipendi?
"Alla Giana Erminio non abbiamo nulla di ufficiale, abbiamo parlato con la società intorno a Pasqua ed eravamo rimasti di aspettare la riunione del 4 maggio, spostata al 7. Anche la società vuole capire bene cosa fare perché al momento non c'è nulla di chiaro. Il presidente Bamonte avrà sicuramente dei problemi in azienda come tutti, se ha bisogno gli andremo incontro ma ad oggi non c'è nessuna posizione ufficiale".

Si parla anche di cassa integrazione.
"La Serie C ha sempre qualche problema economico, anche quando tutto va bene. In una situazione del genere ancora di più, tante società avranno bisogno di sostegno oppure falliranno e senza società tanti giocatori si troveranno senza squadre. Anche noi siamo lavoratori, io ad esempio la mattina faccio l'impiegato e sono già in cassa integrazione, non capisco perché i calciatori non possono ricevere sostegni di questo tipo".

Sezione: GIANA ERMINIO / Data: Ven 01 maggio 2020 alle 18:00 / Fonte: TuttoC.com
Autore: Mattia Vavassori
Vedi letture
Print