Mirco Miori, calciatore classe '95, è un nuovo portiere della Tritium. Scuola Atalanta e con alle spalle una buona esperienza in serie C, il nuovo estremo difensore biancoazzurro non vede l'ora di incominciare la nuova avventura e si presenta ai suoi nuovi tifosi.

Benvenuto Mirco, come ti senti?
"Sono molto carico e motivato ad essere approdato alla Tritium. Erano due stagioni che mi sentivo con il direttore sportivo Gianluca Leo e sono pronto ad indossare la casacca biancoazzurra".

Raccontaci il tuo percorso finora nel calcio.
"Ho iniziato da bambino giocando nelle giovanili del mio paese ad Offanengo dall'età di 6 anni. Ad 11 anni sono passato all'Atalanta, dove ho giocato per sette stagioni, fino a difendere i pali della Primavera. Sono stato in seguito in serie C per due annate calciastiche al SüdTirol, per una al Piacenza e per una tra l'Alma Juventus Fano e la Triestina, totalizzando 79 presenze in totale in terza serie tra campionato, Coppa Italia e playoff. Nella stagione 2018/2019 ho giocato nell'Adrense in serie D e l'anno scorso prima dello stop per l'emergenza Covid19 ho difeso la porta del FC Emmenbrucke, squadra svizzera di quinta divisione. Ora sono carico per intraprendere una nuova esperienza alla Tritium".

Come interpreti il tuo ruolo?
"Il portiere deve essere efficace: deve difendere la porta a tutti i costi e deve comandare la difesa".

Conosci qualcuno dei tuoi nuovi compagni?
"Sì: Lorenzo Degeri. Siamo quasi compaesani e siamo amici: è un ottimo giocatore per la categoria".

Che obiettivi ti poni?
"Personalmente voglio disputare una stagione di spessore e togliermi parecchie soddisfazioni insieme a tutta la squadra".

Nella vita studi o lavori?
"Ho conseguito il diploma di ragioneria e per ora il mio lavoro è stato sempre il calciatore".

Grazie mille Mirco.
"Vorrei inviare un saluto a tutto l'ambiente della Tritium, sperando che si possa presto gioire insieme".

Sezione: LE NOSTRE ESCLUSIVE / Data: Mar 01 settembre 2020 alle 09:15
Autore: Mattia Vavassori
Vedi letture
Print