Era l'8 maggio 2011, una data indelebile nella mente e nei ricordi degli ex giocatori della Tritium. E' la volta di Filippo Corti, un grande rimasto nel cuore di tutti i tifosi biancoazzurri che lui contraccambia esprimendo le sue emozioni: "Grazie del ricordo, è stata una delle pagine più importanti nella vita calcistica di tutti i protagonisti della piazza di Trezzo e della società Tritium. Credo che non solo il ricordo viva nei cuori delle persone che l'hanno vissuto in prima persona, ma vivrà anche come memoria storica di un momento massimo di apice calcistico della città e della piazza: La Rocca di Trezzo sull'Adda quell'8 maggio 2011 rimane come una pagina ingiallita ma imperitura, non ci sarà mai niente e nessuno che potrà cancellarla. Personalmente quella partita me la ricordo, titolare 90 minuti con il numero 4, una partita emozionatissima. Ho un ricordo fantastico del secondo tempo, quando - io ero ancora un giovane - i "grandi" come i fratelli Bortolotto, Diego Daldosso, Alessio Dionisi, erano stanchi dal caldo, dalla partita, dalla tensione e dal momento; ricordo che Vecchi - raccontato dai miei genitori - si girò verso la tribuna ed incitò il popolo trezzese a darci una mano, in quanto verso la metà della ripresa eravamo un po' in affanno, dicendo "adesso i ragazzi hanno bisogno di voi"...L'affetto dei tifosi un ricordo indelebile. Nel secondo tempo riuscimmo a tirare fuori le unghie e con lo sforzo di tutti portammo a casa quella vittoria e quella promozione fantastica. Un capitolo bellissimo della mia vita professionale e umana. Sono grato di averlo vissuto accanto ai miei compagni di allora ed alle persone che a Trezzo mi hanno voluto bene. Voglio aggiungere che tutt'ora di quel gruppo incredibile c'è chi ha smesso, chi allena in serie A, chi è capo delegazione della Nazionale, chi gioca ancora. Ma al ricordo di quella partita e di quegli anni, sono sicuro che ciascuno lo riconosce come un momento unico e irripetibile e anche "segnante" del proprio percorso".

Sezione: LE NOSTRE ESCLUSIVE / Data: Sab 08 maggio 2021 alle 17:30
Autore: Rossana Stucchi
Vedi letture
Print