La corazzata Seregno si impone contro la Tritium con un netto 2-1 e si posiziona nelle parti nobili della classifica, guidati dal trio atomico d'attacco composto da Alessandro, Ricciardo e Azzi. I brianzoli si sono imposti lungo quasi tutto l'incontro, imponendo il proprio gioco e tenendo molto il possesso del pallone. I biancoazzurri hanno provato a fare la loro parte contenendo il Seregno, anche se hanno dovuto rinunciare nel primo tempo ad Artaria e Marinoni, usciti per infortunio. I migliori in campo per i trezzesi sono stati il portiere Zanellato, arrivato in settimana, autore di ottime parate, e Lorenzo Caferri, che è riuscito a trovare la via del gol. Primo dell'inizio del match è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di Paolo Rossi, l'eroe del "Mundial '82" scomparso a 64 anni. Parte con l'acceleratore schiacciato il Seregno che è autentico padrone del campo del campo e della partita per i primi venti minuti. Al 10' i padroni di casa si rendono pericolosi con un colpo di testa di Ricciardo a cui si oppone Zanellato. Tre minuti più tardi il Seregno sblocca l'incontro: Borghese lancia Azzi che sul filo del fuorigioco si invola e trafigge il portiere biancoazzurro. Al 23' primo sussulto della Tritium con Lorenzo Caferri ma la difesa locale si copre bene. Al 30' occasione per Tentoni ma Zanellato blocca la sfera in due tempi. Al 32' la Tritium trova la via del pareggio: malinteso difensivo tra i due centrali difensivi del Seregno e ad approfittarne è Lorenzo Caferri che insacca di destro con una rasoiata velenosa. In pieno recupero ci prova Azzi ma Bertaglio salva tutto. Nella ripresa è un monologo del Seregno con la Tritium che prova a contenere le folate avversarie. Tra il 16' e il 17' doppio tentativo di Azzi sventato da Bertaglio e da Zanellato. Al 20' ripartenza dei padroni di casa, la palla arriva ad Alessandro che penetra in area dalla sinistra, assist per Azzi che calcia al volo di poco sopra la traversa. Al 22' il Seregno sigla la rete del definitivo vantaggio: Alessandro ubriaca con un numero di alta scuola la difesa abduana e deposita la sfera nell'angolino basso alla destra dell'estremo difensore ospite. I ragazzi di mister Nordi accusano il colpo, tanto che al 28' è Borghese a colpire la traversa per il potenziale tris. La Tritium dà il massimo per pareggiare ma il Seregno alla lunga controlla il gioco. In pieno recupero è Lorenzo Caferri a provare a pareggiare senza successo con un tiro fuori misura. E' il Seregno a portare a casa tre punti meritati e si candida seriamente per essere una delle squadre candidate alla vittoria del campionato ed al salto in serie C. La Tritium, invece, deve fare tesoro di questa sconfitta e cercare di cambiare trend a partire della prossima gara casalinga contro la Real Calepina.

Seregno-Tritium 2-1

Seregno (4-3-3): Lupu; Ferrari (17'st Invernizzi), Borghese, Tomas, Zoia; Poletti, Tentoni, Bonaiti; Alessandro, Ricciardo, Azzi (38'st Nava). All. Franzini. A disposizione: Adorni, Tinti, Casiroli, Pozzoli, Zanon, Aga, Marcaletti.

Tritium (4-4-2): Zanellato; Leonardo Caferri, Bertaglio, Gritti, Raffaglio (15'st Colleoni); Lorenzo Caferri, Degeri, Marinoni (45'pt Motta), Mari (2'st Aldè); Artaria (38'pt Guerrini), Personè. All. Nordi 5,5. A disposizione: Miori, Della Volpe, Forlani, Aquilino, Senesi.

Arbitro: Luongo di Napoli (Festa-Pilleri)

Reti: 13'pt Azzi (S), 32'pt Lorenzo Caferri (T), 22'st Alessandro (S)

Note: Partita disputata a porte chiuse. Giornata soleggiata e fresca. Temperatura 8°. Terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Mari (T), Raffaglio (T), Alessandro (S), Borghese (S). Espulsi: nessuno. Angoli: 6-3. Recupero: 2'pt+4'st.

Sezione: NEWS TRITIUM / Data: Dom 13 dicembre 2020 alle 17:15 / Fonte: Rossana Stucchi, nostra inviata a Seregno (MB)
Autore: Mattia Vavassori
Vedi letture
Print