Giana Erminio, Lorenzo Degeri: "Testa bassa e duro lavoro"

01.03.2018 06:30 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 270 volte
Giana Erminio, Lorenzo Degeri: "Testa bassa e duro lavoro"

Un traguardo importante quello tagliato dal centrocampista della Giana Erminio Lorenzo Degeri domenica scorsa nella partita al “Marcello Melani” contro la Pistoiese. Si tratta delle cento presenze in Serie C, una meta voluta e conquistata per di più giocando tutta la partita contro gli Arancio da titolare. La compagine martesana l’ha voluto in rosa nel mercato della scorsa estate, una bella scommessa dopo che era rimasto svincolato dalla Pro Patria ed era rimasto lontano dal campo per un anno intero. Oltre che coi bustocchi dove aveva collezionato 15 presenze nella stagione 2015/2016, in precedenza ha vestito le maglie di Lucchese (26 presenze e 1 rete), Rimini (7 presenze), Pavia (9 presenze e 1 rete), e Cremonese tra il 2010 e il 2013 con 27 presenze e 1 rete. Intervistato dai colleghi di tuttoc.com ha espresso le sue emozioni: “Se arrivo a 100 presenze sono contento, mi sono sempre detto, ma non mi aspettavo di arrivarci, e di arrivarci, per altro, giocando una gara intera. Sono davvero felice di averle raggiunte, ma per me questo deve essere un punto di partenza, spero di farne ancora cento e altre cento ancora. Mi piacerebbe giocare almeno un'altra decina di anni, stagione più stagione meno, magari con più continuità di quella avuta adesso in carriera, considerando che arrivo da un anno di stop".

Proprio sulla partita contro il club toscano commenta: "E' stata una gara, quella contro la Pistoiese, che potevano anche portare a casa, considerando le occasioni che abbiamo sprecato, ma alle volte capita ci siano partite che si giocano sugli episodi. Coronare il mio traguardo con i tre punti sarebbe stata la vera ciliegina sulla torta, ma mi fanno piacere anche le parole spese dal mister. E' comunque stata un'ottima partita da parte di tutta la squadra".

Si esprime sulla situazione di classifica:"Qualche punto per strada lo abbiamo perso, ma è inutile piangere sul latte versato, la situazione è questa e non ci dobbiamo guardare indietro, pensando troppe alle partite nelle quali potevamo fare di più. Adesso testa bassa e duro lavoro, per tirare fuori il meglio dalle giornate che ci separano alla fine del torneo".

Sugli obiettivi prefissati: "Intanto raggiungiamo la salvezza matematica, ma è ovvio che poi lo step successivo è quello di ottenere gli spareggi promozione. Ma facciamo un passo alla volta".

I progetti futuri del centrocampista cremasco: "A breve termine, c'è sicuramente l'idea di finire nel migliore dei modi  la stagione in corso, aiutando la squadra a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati a inizio stagione: qua si sta bene e si lavora bene, sono molto fiducioso, anche per il futuro. Sul lungo termine, avendo ripreso a giocare dopo un anno da svincolato, posso dire che spero di continuare a macinare chilometri con continuità, facendo sempre al meglio delle mie possibilità".

Per concludere, un pensiero sui festeggiamenti per il raggiungimento del fatidico traguardo: “Era giusto festeggiare, e ieri la torta ai compagni l'ho portata, con Coca Cola e Aranciata! Una torta mars, fatta da me!".