ESCLUSIVA TTG - CONOSCIAMOLI DA VICINO - Chimenti: "Sono entusiasta del ritorno alla Tritium"

04.07.2019 08:00 di Mattia Vavassori   Vedi letture
Marco Chimenti
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
Marco Chimenti

Marco Chimenti, esterno offensivo classe '90, è sicuramente un rinforzo di alto livello per la Tritium. Per il nuovo calciatore biancoazzurro si tratta di un ritorno, in quanto è stato uno dei principali protagonisti della Tritium di mister Stefano Vecchi tra il 2009 e il 2012 in serie D ed ex Lega Pro. Chimenti, che ha maturato molta esperienza come professionista, ex Renate e Cisanese, è diventato papà da un mese ed è molto carico in vista dell'inizio della nuova stagione.

Ciao Marco, bentornato alla Tritium.
"Tornare è sicuramente bellissimo: sinceramente non me l’aspettavo ma sono contento di questa opportunità, sono entusiasta. Trezzo sull'Adda era il posto in cui mi sono trovato meglio ed e speciale tornare a giocare a calcio in biancoazzurro".

Raccontaci la tua carriera.
"Si è svolta girovagando la Lombardia tra la serie D e la C. Nell'ultima stagione sono stato alla Cisanese in Eccellenza. Ho avuto la fortuna di vincere dei campionati che nella carriera di molti giocatori è un evento non semplicissimo. Sono abbastanza contento di quanto fatto e spero di riuscire a giocare ancora qualche anno a buon livello".

Ti ricordiamo come calciatore offensivo che serviva molti assist.
"Penso che il mio ruolo sia importante per l’equilibrio della squadra. Spero di dare un aiuto sua in fase offensiva che difensiva ma anche con l’aiuto dell’esperienza".

Nella stagione scorsa hai affrontato la Tritium da avversario.
"Personalmente conosco molto poco i giocatori fuorché averci giocato quest’anno. Sono rimasto colpito soprattutto all'andata dall'aggressività espressa e dalla qualità dei giocatori della squadra".

Come ti aspetti dalla nuova stagione?
"Voglio ripagare la fiducia della società e soprattutto del direttore sportivo Gianluca Leo. L’obbiettivo è cercare di disputare un campionato tranquillo e se possibile divertirsi senza avere preoccupazioni".

Quanti gol segnerai?
"Spero di farne qualcuno in più rispetto agli anni scorsi".

Nella vita di cosa ti occupi?
"Ho quasi due lauree: sono laureato in scienze motorie e laureando in scienze della nutrizione. Attualmente lavoro in palestra come istruttore".

Dieci anni fa giusti approdavi per la prima volta alla Tritium.
"Avevo diciannove anni, ero giovane e provenivo dalla Caratese. Ricordo con estremo piacere quelle stagioni, abbiamo vinto il campionato di serie D ed era un gruppo straordinario, allenato da un grande allenatore come mister Stefano Vecchi. Ricordo con molto piacere anche le due stagioni in serie C, con una vittoria del campionato di Seconda Divisione e una grande salvezza. Era una grande Tritium. Sono sicuro che anche questa seconda esperienza in biancoazzurro sarà positiva. Sono molto contento per Alessio Dionisi e mister Stefano Vecchi: sono due grandi persone dentro e fuori dal campo e non a caso sono allenatori di Venezia e SudTirol".

Sei diventato papà da poco.
"Esatto. Mio figlio si chiama Leonardo, da poco ha compiuto un mese".

Grazie mille Marco.
"Un saluto a tutti i tifosi. Forza Tritium".