Presentato il Seregno 2017/2018: "Programmazione e crescita per i nostri giovani"

 di Davide Villa Twitter:   articolo letto 164 volte
Fonte: seregnocalcio
Presentazione martedì scorso
Presentazione martedì scorso

Nella rinnovata sede della U.S. 1913 Seregno, si è svolta settimana scorsa la conferenza di presentazione della Società Azzurra.

Il membri del Consiglio di Amministrazione - composto dal Presidente Carmine Castella, dall’Amministratore Delegato Matteo Fraschini, dal Presidente Onorario Maurilio Paci, dal Vice Presidente Giuseppe De Nova e dal Consigliere Paolo Galli (assente per impegni di lavoro) –  insieme al Direttore Sportivo Marco Proserpio e al Responsabile del Settore Giovanile Fabio Grandi hanno risposto alle domande dei giornalisti, illustrando le prime attività svolte e i progetti sportivi e strutturali per la stagione 2017/2018.

Voglio partire da questa sede perché questa ristrutturazione che abbiamo condotto a tempo di record dovrà incarnare lo spirito che della squadra e di tutta la società: volontà, voglia e disponibilità per fare bene” -  ha dichiarato Castella - “l’obiettivo per la prossima stagione sarà la salvezza: il settore giovanile sarà la nostra priorità. Parole d’ordine? Programmazione e crescita per i nostri giovani”.

Fraschini ha parlato dei rapporti con l’amministrazione comunale: “Metteremo mano ai campi in erba e faremo altri lavori in attesa di poter partecipare ad un bando dell’Amministrazione Comunale per l’assegnazione e la ristrutturazione di questi spazi. Vogliamo che la prima squadra e tutte le altre del settore giovanile possano allenarsi qui a Seregnello.”

Un ringraziamento a Castella e Fraschini per il coraggio e la passione dimostrati nel rilevare la società dalla famiglia Di Nunno, che ringraziamo tutti per l’impegno e le risorse impiegati negli anni. Siamo pronti ad affiancarli in questa avventura” hanno commentato Paci e De Nova.

Marco Proserpio, già al lavoro da qualche giorno: “Ringrazio la società per questa opportunità. Siamo allineati, abbiamo le idee chiare. Per la prima volta sono in serie D, ma il compito non mi spaventa”.

Chiusura affidata a Fabio Grandi: “Sono sempre stato nei settori giovanili: collaboreremo con l’Atalanta, sono un modello vincente. Faremo un lavoro con un orizzonte temporale di 3 o 4 anni”.