Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Mauro, tifoso della Giana Erminio: 

Buongiorno,

Leggo con interesse le pagelle di Pro Sesto-Giana e vedo che il voto/giudizio su Maltese rispecchia in toto le mie parole. Troppo evidente questo punto per non segnalarlo. Ecco che allora le sensazioni di moltissimi tifosi, espresse dopo le prime 3 giornate, non erano figlie di un'immediata presa di posizione espressa tanto per contestare.
Sono passate adesso 6 giornate e siamo qui a farci tante domande. Una su tutte: possibile che l'unico giocatore, Maltese, che ha dimostrato (e già lo scorso anno) di poter dare un minimo di luce non possa mai partire negli 11 titolari? Non ha la condizione? Questo il motivo? Se così fosse, che giochi dall'inizio per dare un minimo di gioco che possa permettere ai nostri attaccanti di avere almeno qualche palla giocabile. Metterlo sempre in corso di partita non porta a cambiamenti se non avere, appunto, il rimpianto che con lui subito in campo di certo almeno l'approccio sarebbe quello di una squadra che prova a giocarsela la partita per portare a casa i 3 punti. E se nemmeno proviamo a vincere una partita contro la Pro Sesto (nostra diretta concorrente per non retrocedere) scendendo in campo con approccio difensivista, dove potremo andare? Potrei andare avanti con tante altre considerazioni/domande (alternanza fra i pali, a che pro? gente in campo senza/poco mordente, etc etc) ma qui mi fermo. E ricordiamoci che senza l'astuzia del nostro Fabione adesso saremmo a 2 punti...
Con la speranza, quella ci resta, di rivedere un pò di gioco, sempre forza Erminio Giana, quindi forza ragazzi, tiriamo fuori tutto ciò che serve per onorare i colori della nostra squadra.

Mauro Lafragola

Se volete fare come lui ed esprimere il vostro parere sulla Giana Erminio oppure sulla Tritium, scriveteci a redazione@tuttotritiumgiana.com

La vostra lettera verrà pubblicata sul portale e tutti potranno condividere il vostro pensiero.

Sezione: L'ANGOLO DEL TIFOSO / Data: Ven 23 ottobre 2020 alle 09:30
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print