Riccardo Aquilino, difensore classe 2002, è stato promosso in Prima Squadra dalla Juniores della Tritium e domenica scorsa ha fatto l'esordio da titolare in serie D giocando con grinta e determinazione e risultando uno dei migliori in campo. Aquilino in questa intervista si racconta ai suoi tifosi e ci descrive le sue sensazioni e le sue emozioni.

Ciao Riccardo, come ti senti?
"Sono molto legato e grato alla società Tritium che durante questi anni mi ha dato l'opportunità di cresce e continuare a praticare questo favoloso sport".

Raccontaci il tuo percorso nel calcio finora.
"Ho iniziato a giocare all'età di otto anni nella squadra del mio paese, Capriate San Gervasio. Ho militato per quattro stagioni nel Settore Giovanile del Mapellobonate in qualità di centrocampista. Sono approdato nelle giovanili della Tritium nel 2017 ed è quindi la mia quinta stagione in biancoazzurro. Sono pronto a dare il massimo per la Prima Squadra".

Hai fatto l'esordio in serie D a Desenzano lo scorso 23 dicembre e col Villa Valle il 6 gennaio sei partito titolare.
"Debuttare e potere giocare nella massima serie dilettantistica è stato per me molto emozionante e mi ha dato un ulteriore carica per fare sempre meglio".

Che differenze hai notato tra la Juniores e la Prima Squadra?
"La differenza sostanziale è questa: durante gli allenamenti con la Prima Squadra l'intensità è molto elevata e grazie all'aiuto dei miei compagni più esperti ricevo preziosi consigli".

Ti ha detto qualcosa mister Mauro Calvi, tuo allenatore nella Juniores?
"La prima cosa che mi ha detto il mister è 'bravo Aqui, non mollare, il difficile arriva adesso, piedi per terra ed obiettivo in testa'. Sono grato a mister Calvi per avermi fatto crescere, sia tecnicamente che mentalmente".

Come interpreti il tuo ruolo?
"Sono un terzino; l'obiettivo principale è quello di difendere la porta dagli attacchi avversari e di aiutare nel miglior modo possibile la squadra ad arrivare in area avversaria".

Chi conoscevi dei tuoi nuovi compagni di squadra?
"Solamente Riccardo Motta ed Alessandro Aldè che avevano disputato una partita con la Juniores l'anno scorso".

Che obiettivi ti poni?
"La squadra si deve rialzare da questo momento non facile, ma stiamo lavorando duramente per farcela. Personalmente lavorerò sempre con passione per migliorare le mie capacità e per essere sempre al servizio della squadra".

Nella vita studi o lavori?
"Sono uno studente: frequento il quinto anno dell'Istituto Tecnico Turistico Vittorio Emanuele II a Bergamo".

Grazie mille Riccardo.
"Un caro saluto a tutti i tifosi, con la speranza di potervi rivedere al più presto numerosi allo stadio per tifare Tritium".

Sezione: LE NOSTRE ESCLUSIVE / Data: Sab 09 gennaio 2021 alle 17:00
Autore: Mattia Vavassori
Vedi letture
Print