Dopo essere stata per 37 giornate in zona playout, e anche ultima in classifica per qualche turno, la Giana Erminio si è salvata battendo la Pistoiese all’ultima giornata. E ha chiuso il campionato con ben cinque squadre dietro, compresa la Carrarese per la classifica avulsa. Dopo aver avuto la peggior difesa del campionato per buona parte della stagione, nelle ultime 8 partite ha incassato solo 3 gol, chiudendo il torneo con 45 reti subite. Ben 8 squadre alla fine ne hanno incassate di più. Dulcis in fundo dei 44 punti finali, 26 sono arrivati nel girone di ritorno e 31 con Oscar Brevi in panchina. L’allenatore, che l’hanno scorso ci aveva condannato alla retrocessione con l’Olbia, è subentrato il 9 dicembre a Cesare Albé dopo che Andrea Ardito era già stato esonerato dalla società. La quale, nonostante la squadra fosse in grossa difficoltà a causa di infortuni e sconfitte in serie, in gennaio non ha fatto mercato, l’unica in Serie C con la Ternana!. Brevi allora ha fatto di necessità virtù: ha ricompattato il gruppo, ha cercato di subire meno gol possibili e ha impostato la squadra su corsa e aggressività. Alla fine ha azzeccato tutto e pur in un campionato complessivamente mediocre (poche volte la Giana ha giocato bene) è arrivata una salvezza diretta che a gennaio era impensabile. Il tecnico ha detto che la squadra che ha battuto la Pistoiese è da zona playoff. Forse ha esagerato, ma sarebbe bello cominciare una stagione con lui, magari cercando in estate di rinforzare questa squadra per vedere se davvero può arrivare ai playoff. Oscar Brevi ha firmato la salvezza, speriamo adesso firmi un nuovo contratto con la Giana per cominciare un nuovo corso a Gorgonzola.

Sezione: PRIMO PIANO / Data: Gio 06 maggio 2021 alle 17:00
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print