GIANA ERMINIO

ACERBIS 6 Non viene mai impegnato. Solo un tiro in porta che purtroppo per lui finisce in rete.  

BONALUMI 6 Al rientro dopo lo stop, gioca una gara senza rischiare niente ma anche senza avversario perché la Pro Sesto ha una punta sola (36’ st DI MAIRA 5 Meriterebbe una chance da titolare ma se entra in campo in questo modo, è difficile che gli capiti).

PIROLA 6 Dopo un inizio svagato, fa a sportellate con Mutton e lo limita bene ma non era difficile.

MONTESANO 5,5 Anche lui senza avversario diretto. Sbaglia lo stop da cui nasce il gol decisivo, poi cerca di rimediare con un tiro che sfiora il palo nel recupero.

BARAZZETTA 5,5 All’esordio in Serie C paga l’emozione. Va in difficoltà con Scapuzzi e nessuno lo aiuta (11’ st MADONNA 6,5 E’ subito intraprendente ma indugia troppo nel dribbling invece di crossare. Va però al tiro da fuori, cosa che la Giana non prova quasi mai).

PALAZZOLO 5,5 Stavolta il suo apporto è insufficiente. Gira spesso a vuoto (dal 24’ s.t. ROSSINI 5,5 Il suo ingresso non cambia nulla).

PINTO 5,5 Gioca nell’unico ruolo in cui fa fatica e si vede. Chissa perché.

GRESELIN 5,5 Un’altra partita dove non incide e sbaglia diversi palloni (11’ st MALTESE 6,5 E’ quello che ha più qualità di tutti e si vede. Dovrebbe giocare dall’inizio, poi se non ha i 90’ verrà sostituito. Non il contrario).

DE MARIA 6 Dal suo piede parte il cross che Pecorini intercetta con il braccio in area, poi ha una buona punizione dal limite ma la spreca (24’ st ZUGARO 5,5 Pasticcia troppo e combina poco).

FERRARIO 5 Anche stavolta solo uno spunto, l’assist che smarca Perna davanti alla porta ma in fuorigioco. In 90’ e oltre è troppo poco.

PERNA 5 Stesso voto e giudizio anche per Fabio: così proprio non va.

PRO SESTO

Livieri 6; Giubilato 6, Pecorini 6, Caverzasi 6, Franco 6,5; Gualdi 6, Gattoni 6, Palesi 6,5 (25’ st Di Munno 6,5); Cominetti 6 (30’ st Spaviero 6,5), Mutton 5,5 (25’ st De Respinis 6), Scapuzzi 6 (36’ st Ntube sv).

ARBITRO: Catanoso 5,5.

Sezione: PRIMO PIANO / Data: Gio 22 ottobre 2020 alle 15:30
Autore: Stefano Spinelli
Vedi letture
Print